Della serie non c’è mai un limite al peggio….

Mentre il rapporto 2012 “Ecosistema Urbano” di Legambiente e Sole 24 Ore mettono Nuoro tra i capoluoghi con la migliore qualità della vita, noi cittadini residenti impegnati nella vita sociale e politica di questa città, assistiamo invece attoniti a giochi politici poco trasparenti e alla mancanza di democrazia cronica.

Oggi in Comune il nostro Consigliere Stefano Mannironi, infatti, ha dovuto assistere ad altri due esempi di antidemocrazia che ci hanno lasciato a dir poco esterrefatti.

Il primo in occasione della riunione di Commissione Servizi Sociali, chiamata nuovamente all’elezione del suo Presidente.

I Consiglieri Bagiella e Canu, che nell’ultima seduta avevano disatteso le linee del partito (PD) danno delega (o vengono sostituiti?) come membri della commissione dai ben più allineati Murgia e Satta. Si arriva così all’elezione di Italo Longo, ex socialista ora gruppo misto.

Idea Comune decide di astenersi dalla votazione in seguito alla dichiarazione dello stesso Longo, che davanti alla richiesta di presentare il suo programma in caso di elezione, risponde che lo avrebbe fatto solo una volta eletto.

Il secondo durante la riunione capigruppo in vista della seduta di Consiglio Comunale, prevista per le dieci di domani mattina Venerdì 30 novembre.

Da sottolineare che l’ultima seduta di Consiglio Comunale è del 25 ottobre 2012 ; c’è stata, in verità, anche una convocazione a Cagliari ( 20 novembre 2012 ) con tanto di Gonfalone della città portato con la macchina di servizio da due Guardie Municipali; senz’altro i risultati di tale impegno si conosceranno in un futuro che non ci è dato di prevedere.

Il presidente Salis conferma la seduta per le ore delle 10:00 nonostante i documenti che saranno oggetto di discussione, siano stati depositati presso la segreteria di Presidenza solo alle 12:00 di oggi e quindi messi a disposizione dei Consiglieri Comunali entro un termine ben inferiore alle 24 ore minime previste dal regolamento del Consiglio.

I nostri due Consiglieri, Stefano Mannironi e Liliana Mustaro, come più volte ribadito in passato per quanto riguarda le sedute di commissione, non possono essere presenti alle sedute fissate al mattino in quanto impegnati nei rispettivi posti di lavoro.

Ma a prescindere dall’indisponibilità personale dei propri Consiglieri, Idea Comune ritiene la seduta di domani mattina non valida, in quanto non vengono garantiti ai membri del Consiglio i tempi minimi di studio del materiale in discussione.

E’ comprensibile che così stando le cose il nostro lavoro di “buona opposizione” in Consiglio diventa ogni giorno più difficile da svolgere e che, pur volendo continuare a denunciare pubblicamente episodi di questo genere e cercare di contrastarli, Idea Comune ritiene opportuno dedicare il proprio prezioso tempo di cittadini lavoratori, ma con tanta voglia di impegnarsi per il Bene Comune, a iniziative volte ad ottenere qualche risultato concreto se pur piccolo, piuttosto che lottare contro i mulini a vento.

Scarica l’ODG della seduta odierna: odg_CC_30.11.2012

http://www.ideacomune.net/lista_civica_nuoro/?p=5766

Anche in Commissione nessun rispetto delle istituzioni.

Due ore di Commissione Università, politiche giovanili, istruzione

Convocazione per le ore 9,30 della Commissione suddetta, nella sala Consiliare di rappresentanza , in quella storica , arredata con i mobili antichi, alle pareti i quadri di Delitala. Si respira cultura , rispetto per le tradizioni, gli antenati ci guardano…

Argomento all’ordine del giorno: dimensionamento delle Istituzioni Scolastiche (scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di 1 grado). Sono presenti i Dirigenti Scolastici delle varie scuole: il governo deve tagliare ed è necessario ponderare le proposte e fare in modo che il sacrificio sia limitato, l’obiettivo è quello di razionalizzare le risorse, nell’interesse precipuo degli alunni.

Parla l’Assessore che presenta la situazione, sicuramente preoccupante, parlano i Dirigenti Scolastici che esprimono le proprie opinioni, tutte ragionevoli e tutte proponibili.

Parlano i consiglieri comunali che ammettono di conoscere poco gli aspetti tecnici del problema, ma di volerlo considerare dal punto di vista politico e le valutazioni sono interessanti e adeguate.

Ma non bastano gli sguardi dei nostri antenati: infatti anche all’interno Commissione si creano dinamiche perverse e pericolose.

Due consiglieri, per motivi insignificanti, si esibiscono in una “performance“ mortificante, soprattutto per che vi assiste, Dirigenti Scolastici compresi, che hanno avuto una dimostrazione inequivocabile del “bon ton“ sul quale si basano le relazioni interpersonali fra alcuni rappresentanti eletti dai cittadini e che dovrebbero rappresentare l’acme della “intellighenzia“ del Comune di Nuoro.

Fra i due c’è uno scambio vivace di insulti che il presidente di Commissione gestisce in modo perentorio, dopo la rimostranza indignata di altri Consiglieri che sottolineano la necessità di un ambiente di lavoro sereno, rispettoso e rispettato.